Brevi appunti sulla nuova "sintassi" del concordato preventivo
Pubblicato il 10/06/22 07:00 [Articolo 1922]


Sommario: 1. La fattibilità del piano come sua non manifesta inadeguatezza. - 2. Le "attitudini" prescritte dalla legge per il piano in continuità. - 3. L'interesse "generale" versus quello del creditore opponente. - 4. Il criterio del trattamento non deteriore dei creditori rispetto alla liquidazione giudiziale. - 5. Il (non indispensabile) requisito della convenienza/preferibilità del concordato. - 6. Conclusioni.

Leggi l'articolo pubblicato sulla Rivista Ristrutturazioni aziendali: https://ristrutturazioniaziendali.ilcaso.it/Articolo/216






Scritti dell'Autore