Il (doppio) rinvio del CCI: quando si scrive “differimento” e si legge “ripensamento”
Pubblicato il 16/09/21 02:00 [Articolo 1153]
Stefano Ambrosini, Professore ordinario di diritto commerciale nell'Università del Piemonte Orientale.


Sommario: 1. Il dibattito degli ultimi due anni in ordine all’opportunità di rinviare l’entrata in vigore del CCI. - 2. Il differimento di larga parte del CCI e l’intervento sulla legge fallimentare. - 3. Il più lungo rinvio della disciplina sulle misure di allerta: de profundis o spazio per una riconfigurazione? - 4. L’auspicio di un ulteriore ripensamento. - 5. Una proposta in tema di early warning.

(*) Il presente contributo è destinato agli Studi in onore di Sabino Fortunato (e, con alcune variazioni, ad altro volume collettaneo, a cura di Marcello Pollio).

Leggi l'articolo sulla Rivista Ristrutturazioni aziendali:
https://ristrutturazioniaziendali.ilcaso.it/Articolo/71


Scritti dell'Autore