BLOG.ILCASO.IT


Brevi note sulla presunta assenza di anatocismo nei prestiti graduali in regime composto, con esempi per l’ammortamento francese, italiano e bullet.
Pubblicato il 02/01/21 02:00 [Articolo 1033]
di Graziano Aretusi, Research Analyst, Ph.D. in Applied Statistics.


Sommario: 1. Introduzione - 2. Un piccolo esempio di decomposizione del prestito bullet - 3. Scambio e posizione di equilibrio in regime composto - 4. Alcuni esempi di decomposizione di prestiti graduali in prestiti elementari (Zero Coupon) in regime composto - 5. Brevi considerazioni conclusive

1.Introduzione
Nel recente dibattito multidisciplinare, ormai tutti riconoscono la presenza di anatocismo nei prestiti elementari (anche detti zero coupon). Ad esempio, immaginiamo di dover rimborsare 1.000 euro prestati al tempo 0 in un’unica soluzione dopo 4 anni al 10% annuale. Se l’operazione è progettata in regime composto, allora il valore di rimborso dopo 4 anni sarà pari a euro 1.464,10=1.000×(1+10%)^4 mentre in regime semplice sarà pari a euro 1.400=1.000×(1+10%×4). In questo caso nessuno ha dei dubbi sul fatto che sia palese che tale differenza è dovuta alla generazione di interessi sugli interessi (anatocismo), dal momento che a parità di capitale, di tasso e di durata dell’operazione, si ottengono due risultati diversi dello scambio.
Come anche, ormai, tutti sostengono che nell’ammortamento c.d. francese sia configurabile l’anatocismo, dal momento che la rata costante posticipata è calcolata applicando il principio di equità in regime composto.
Seppure, però, nessuno ha dubbi sul fatto che questi due tipi di operazione (prestito elementare tipo zero coupon e ammortamento francese) comportino il fenomeno dell’anatocismo, taluni ritengono che ci siano operazioni che, anche se progettate in regime composto, non comportino la generazione di interessi sugli interessi. A sostegno di tale singolare congettura, si porta frequentemente l’esempio del prestito c.d. bullet che, secondo taluni, non comporterebbe la generazione di interessi sugli interessi anche se progettato in regime composto.

L'articolo completo, con note e tabelle è leggbile nell'allegato in formato pdf.